11 - Organizzazione di eventi sportivi : le forme organizzat

11 - Organizzazione di eventi sportivi : le forme organizzat

Messaggioda Arioli » 01 apr 2003, 19:28

11 - Organizzazione di eventi sportivi : le forme organizzative ed i premi

Per organizzare una manifestazione sportiva non occorre una struttura societaria o associativa che invece è necessaria per gestire gli incassi ottenuti con la vendita degli ingressi ovvero con la cessione di beni o servizi effettuata nell’ambito della manifestazione stessa.
Innanzi tutto occorre informare l’agenzia SIAE competente anticipatamente dell’evento con ciò usufruendo dell’esenzione dell’imposta sugli spettacoli se la manifestazione è svolta OCCASIONALMENTE; se no l’imposta ( al 16% ) si applica sull’importo dei biglietti venduti (salvi il 5% o 25 di biglietti gratuiti se l’attività è svolta periodicamente o meno), al netto della stessa ISI e dell’IVA se dovuta, ed aumentato degli aumenti fatti sulle consumazioni, sponsorizzazioni, contributi ricevuti consumazioni obbligatorie ed abbonamenti. Se organizzate da Associazioni a favore dei soci l’imposta si applica INOLTRE sui contributi o quote dei soci riferibili alla attività spettacolistica. Va presentata denuncia delle quote e contributi ricevuti alla SIAE entro 100 gg dall’inizio di ciascun anno sociale. Se nell’anno precedente si è stati sotto 25.823 Euro si abbatte del 50% la base imponibile previa comunicazione SIAE e si deve avere AMF o biglietteria automatizzate
Per le ONLUS la base imponibile è al 50% previa denuncia alla SIAE entro un massimo di 12 gg di attività. E’ esente ISI se la raccolta fondi è occasionale in concomitanza a celebrazioni, ricorrenze previa denuncia SIAE.
Gli spettacoli sportivi devono essere certificati da titoli di ingresso ( biglietti ) o abbonamenti (Circ. 1063 Centro Studi Ragionieri) che devono contenere : n. serie, categ.. e N^ posto, corrispettivo, dicitura gratuito o ridotto, eventuale prestazione accessoria fruibile; i biglietti vanno annotati su appositi prospetti SIAE. Sino al prezzo di Euro 12,91 si applica una aliquota ridotta IVA del 10%, altrimenti si applica l’IVA al 20% ordinaria.
La annotazione dei corrispettivi vanno sul prospetto DM 11/2/97 per i contrib. minimi per chi aderisce alla L 398; le altre associazioni rilevano i corrispettivi sui registri art. 74 quater, 5^ DPR 633.
I premi corrisposti ai partecipanti a manifestazioni sportive dilettantistiche sono considerati redditi senza deduzione alcuna.
Se a corrisponderli è un sostituto di imposta sono assoggettati ad una ritenuta a titolo di imposta del 20%; non si applica se il premio non supera il valore di 26 Euro; più premi corrisposti dallo stesso sostituto il cui valore supera 26 Euro sono assoggettati a ritenuta sull’intero importo.
Agli spettacoli sportivi dal 17/2/2003 si deve rilasciare un titolo di ingresso fatta da AMF ( Apparecchi Misuratori Fiscali ) ovvero tramite biglietterie automatizzate; il DPR 69/2002 ha previsto delle facilitazioni per la certificazione dei corrispettivi delle manifestazioni sportive dilettantistiche. Alle AS riconosciute sono stati approvati (provvedimento 28/11/2002 ) i modelli vanno presentati PRIMA dell’utilizzo all’ufficio del concessionario per la loro vidimazione ( art 17 DPR 640/’72).
Arioli
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 01 feb 2003, 19:02

Torna a IL FISCO NEL TENNIS

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite