Cinque fondamenti dell'essere ufficiali di gara

Cinque fondamenti dell'essere ufficiali di gara

Messaggioda Giamberini » 25 lug 2009, 14:43

Sulla base della personale esperienza sul campo, ho prefezionato questi pochi concetti o riflessioni che mi hanno accompagnato in ogni coinvolgimento nella direzione tecnica e disciplinare di una manifestazione approvata dalla FIT.

1. CORAGGIO.
Gli Ufficiali di gara sono persone coraggiose. Tutti possono sbagliare, ma il migliore di essi sarà quello che sbaglia meno.

2. FATTORE SORPRESA.
L'Ufficiale di gara deve vedere in anticipo cosa potrà o potrebbe accadere: per evitare il fattore sorpresa, non deve farsi beffare dal colpo di genio di un giocatore o capitano che potrebbe spiazzarlo.

3. CONFIDENZA.
Non va bene prendere un caffè o sostare in amichevoli siparietti con giocatori o capitani prima o durante una gara. Questo comportamento potrebbe favorire il sospetto di mancanza di terzietà nelle eventuali decisioni che si dovranno prendere sul campo su situazioni critiche.

4. BUONA COMUNICAZIONE.
Avere sempre una risposta certa quando giocatori o capitani pongono quesiti e adottare decisioni conformi quando fanno una contestazione evitando di andare in rotta di collisione.

5. MERITOCRAZIA.
Nella categoria degli Ufficiali di gara questa è una componente non sempre valorizzata e questo fatto desta perplessità in coloro che ci tengono ad esercitare questa funzione, con i propri limiti come lo è per tutti, ma nella massima professionalità.
giuliano giamberini
Giamberini
 
Messaggi: 326
Iscritto il: 15 feb 2008, 11:55

Messaggioda Giamberini » 03 dic 2010, 20:24

Al di là dei personali concetti espressi nel topic precedente, in questa sede mi preme sottolineare i principi contenuti nel Regolamento Ufficiali di Gara (RUG) che regolano il grado operativo del Giudice arbitro nell'esercizio delle sue funzioni.

Premessa: il Giudice arbitro al quale è affidata la responsabilità della direzione tecnica e disciplinare di una manifestazione agonistica, in quella sede rappresenta la Federazione Italiana Tennis.

a) Il Giudice arbitro, nell'esercizio delle sue funzioni deve adottare tutti i provvedimenti necessari per garantire il regolare svolgimento della manifestazione con assoluta imparzialità. La mancanza di imparzialità costituisce infrazione disciplinare.
b) Il Giudice arbitro deve conoscere perfettamente e singolarmente tutte le norme attinenti la designazione ricevuta.
c) La mancanza di professionalità del Giudice arbitro è perseguita dietro valutazione da parte degli organi di settore.
d) Il Giudice arbitro deve tenere un contegno rispondente alla delicata funzione che esplica.
e) Il Giudice arbitro è tenuto ad informare a spirito di colleganza i rapporti con gli altri colleghi.
f) L'operato del Giudice arbitro è sotto costante controllo da parte degli organi di settore.
g) I designatori, di norma, devono impiegare i Giudici arbitri tenendo conto del loro livello.
giuliano giamberini
Giamberini
 
Messaggi: 326
Iscritto il: 15 feb 2008, 11:55


Torna a SETTORE UFFICIALI DI GARA

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron