EDITORIALE: una nuova proposta operativa per quanti si occup

EDITORIALE: una nuova proposta operativa per quanti si occup

Messaggioda Giuliano Giamberini » 02 apr 2003, 18:14

Un approccio costruttivo per discutere e tentare di assemblare proposte innovative che aiutino a risolvere i problemi nei quali si dibatte il nostro Tennis, non può prescindere dall\'apporto di diverse figure competenti del settore ovvero a conoscenza della situazione in quanto ne vivono la quotidianità in qualità di dirigenti di circolo, tesserati, Insegnanti di tennis, Ufficiali di gara, ecc.

Ogni singolo contributo da essi fornito comunque attinente a particolari settori o argomenti specifici, dovrebbe essere il più approfondito possibile ma potrebbe anche essere posto come quesito da dibattere all\'interno del \"forum\" al fine di delineare un quadro completo che comprenda tutte quelle variabili che possono influire sull\'esito della nostra indagine.

Non deve essere solo uno scambio di opinioni con relativi approfondimenti, ma anche di fatti concreti e dati certi che molto spesso conferiscono a coloro che le hanno espresse la consapevolezza di avere centrato il problema con la conseguente necessità della ricerca del rimedio o della contromisura migliorativa delle situazioni oggetto di discussione.

Allo stato vi è una comune sensazione che non si voglia fare tesoro degli errori per porvi rimedio. Non vi sono, in effetti, interventi o correzioni laddove comunque si riconosce di avere sbagliato o, peggio, si vuole far credere che tutto funzioni molto bene nonostante la evidenza dei fatti: tutto ciò porta inevitabilmente a commettere sempre nuovi errori.

Il metodo della ricerca e del reperimento delle informazioni, che rappresentano la sintesi della esperienza dei nostri interlocutori, non significa necessariamente che si abbia la certezza di non sbagliare, ma favorisce la messa a punto di un certo tipo di intervento condiviso dalla maggioranza di essi e che può ridurre lo spazio per incorrere ancora in successivi errori.

Per tutti coloro che si occupano di Tennis, spesso risulta difficile capire cosa abbia funzionato bene e perché altre situazioni abbiano prodotto un esito negativo: la raccolta, la verifica e l\'analisi di tutte le informazioni ricevute probabilmente condurrà ad una risposta unica, accettabile e concretamente applicabile.

Inoltre, le decisioni del legislatore ovvero dei dirigenti preposti al controllo ed alla gestione di un determinato settore, spesso non rispecchiano quello che accade sul campo (non inteso come campo da tennis, ma in generale): ecco allora che per ogni innovazione si rende necessario un certo periodo di sperimentazione che sarà certamente causa di fastidiosi inconvenienti ma che indurranno, una volta identificate tutte le variabili che hanno influenzato l\'esito della sperimentazione, alla sua messa a punto definitiva.

Infine, la nostra iniziativa deve essere considerata come un utile strumento di dialogo basato sulla esperienza per favorire ed indirizzare la ricerca, l\'approfondimento e l\'interpretazione mettendoci tutti (operatori del forum ed interlocutori) in discussione senza ancorarci a credenze od opinioni in modo non costruttivo bensì orientati al superamento dei problemi ed al raggiungimento del risultato che desideriamo.
Giuliano Giamberini
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 07 mar 2003, 11:40

Torna a QUESTIONI DI TENNIS

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti