Glossario Italiano del Tennis. Vocaboli e terminologia speci

Glossario Italiano del Tennis. Vocaboli e terminologia speci

Messaggioda Giuliano Giamberini » 05 ott 2003, 19:45

Palla in gioco.
a) La palla si considera in gioco dal momento in cui viene effettuata la battuta fino al momento in cui viene chiamato un fallo, un colpo nullo o la dichiarazione del punteggio a seguito di un colpo vincente;
b) ovvero la palla si considera in gioco fin tanto che, dopo un primo rimbalzo buono, non abbia fatto un altro rimbalzo o non abbia toccato un arredo permanente prima che il giocatore riesca ad effettuare il rimando.

Palla rotta.
Se di ciò ci si accorge durante il gioco o alla fine di uno scambio, deve essere dichiarato colpo nullo (let). E’ questo un caso in cui il punto non viene assegnato secondo le Regole di Tennis.

Palla sgonfia o ingiocabile.
Deve essere sostituita appena possibile con una palla nuova solo se l’inconveniente si scopre durante il palleggio preliminare ovvero durante i primi due giochi dell’incontro. In tutti gli altri casi deve essere fornita una palla di usura analoga o simile a quella da sostituire.

Palleggio preliminare.
E’ il palleggio che precede l’inizio dell’incontro, della durata di cinque minuti, al quale i giocatori non si possono sottrarre per esigenze di riscaldamento dell’avversario. Dopo una interruzione del gioco per causa di forza maggiore, alla ripresa dell’incontro la durata del palleggio preliminare è la seguente (il tempo ufficiale è quello dell’orologio del Giudice Arbitro):
1. nessun palleggio se l’interruzione è inferiore a dieci minuti;
2. tre minuti di palleggio se l’interruzione è da dieci a venti minuti;
3. cinque minuti se l’interruzione supera i venti minuti. Nel caso in cui, dopo l’interruzione, la ripresa dell’incontro avviene su un campo con fondo diverso dal precedente, la durata del palleggio preliminare è sempre di cinque minuti a prescindere dalla durata dell’interruzione.

Passaggio giocatori.
1. Nel Campionato degli affiliati il passaggio da una squadra all’altra non è mai consentito, salvo che per quello nella squadra di Serie A1;
2. nei Campionati di settore, giovanili e veterani, il passaggio dalla squadra B alla squadra A del medesimo Campionato è consentito solo quando il giocatore da trasferire è di classifica non inferiore a quella del primo giocatore incluso nella formazione della squadra B;
3. per tutta la fase regionale dei Campionati di settore, non è mai consentito il passaggio da una squadra superiore ad una inferiore dello stesso Campionato;
4. nel caso in cui sia la squadra A sia la squadra B del medesimo Campionato di settore si qualificano per la fase nazionale, solo una squadra vi può accedere nel senso che le due squadre si possono fondere in una.

Penalizzazioni.
Sono le sanzioni che l’Arbitro infligge al giocatore, quando viola il Codice di Comportamento, secondo lo schema del punteggio penalizzato cumulativo e non.
Giuliano Giamberini
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 07 mar 2003, 11:40

Re: Glossario Italiano del Tennis. (PA - PE)

Messaggioda Giamberini » 13 dic 2009, 15:59

Giuliano Giamberini ha scritto:Palla in gioco.
a) La palla si considera in gioco dal momento in cui viene effettuata la battuta fino al momento in cui viene chiamato un fallo, un colpo nullo o la dichiarazione del punteggio a seguito di un colpo vincente;
b) ovvero la palla si considera in gioco fin tanto che, dopo un primo rimbalzo buono, non abbia fatto un altro rimbalzo o non abbia toccato un arredo permanente prima che il giocatore riesca ad effettuare il rimando.

Palla rotta.
Se di ciò ci si accorge durante il gioco o alla fine di uno scambio, deve essere dichiarato colpo nullo (let). E’ questo un caso in cui il punto non viene assegnato secondo le Regole di Tennis.

Palla sgonfia o ingiocabile.
Deve essere sostituita appena possibile con una palla nuova solo se l’inconveniente si scopre durante il palleggio preliminare ovvero durante i primi due giochi dell’incontro. In tutti gli altri casi deve essere fornita una palla di usura analoga o simile a quella da sostituire.

Palleggio preliminare.
E’ il palleggio che precede l’inizio dell’incontro, della durata di cinque minuti, al quale i giocatori non si possono sottrarre per esigenze di riscaldamento dell’avversario. Dopo una interruzione del gioco per causa di forza maggiore, alla ripresa dell’incontro la durata del palleggio preliminare è la seguente (il tempo ufficiale è quello dell’orologio del Giudice Arbitro):
1. nessun palleggio se l’interruzione è inferiore a dieci minuti;
2. tre minuti di palleggio se l’interruzione è da dieci a venti minuti;
3. cinque minuti se l’interruzione supera i venti minuti. Nel caso in cui, dopo l’interruzione, la ripresa dell’incontro avviene su un campo con fondo diverso dal precedente, la durata del palleggio preliminare è sempre di cinque minuti a prescindere dalla durata dell’interruzione.

Passaggio giocatori.
1. Nel Campionato degli affiliati il passaggio da una squadra all’altra non è mai consentito, salvo che per quello nella squadra di Serie A1;
2. nei Campionati di settore, giovanili e veterani, il passaggio dalla squadra B alla squadra A del medesimo Campionato è consentito solo quando il giocatore da trasferire è di classifica non inferiore a quella del primo giocatore incluso nella formazione della squadra B;
3. per tutta la fase regionale dei Campionati di settore, non è mai consentito il passaggio da una squadra superiore ad una inferiore dello stesso Campionato;
4. nel caso in cui sia la squadra A sia la squadra B del medesimo Campionato di settore si qualificano per la fase nazionale, solo una squadra vi può accedere nel senso che le due squadre si possono fondere in una.

Penalizzazioni.
Sono le sanzioni che l’Arbitro infligge al giocatore, quando viola il Codice di Comportamento, secondo lo schema del punteggio penalizzato cumulativo e non.
giuliano giamberini
Giamberini
 
Messaggi: 326
Iscritto il: 15 feb 2008, 11:55


Torna a GLOSSARIO ITALIANO

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite